Turismo accessibile significa senza barriere, senza discriminazioni. Il 70% delle persone con disabilità potrebbe viaggiare, ma molti ancora non lo fanno per timore di incontrare imprevisti, di vedersi limitati nelle esigenze e nei gesti quotidiani. Secondo stime ufficiali il mercato del turismo accessibile coinvolge 10 milioni di persone, quasi il 16,4% delle famiglie in Italia. Un potenziale volume di affari enorme, ma solo il 9% dei luoghi e dei servizi turistici in Europa sono accessibili a tutti”.

Sulla base di queste indicazioni, gli operatori della Riviera dei cedri – se ne è parlato al Convegno “Turismo per Tutti” alla Cittadella, col Presidente Oliverio – hanno iniziato a costruire un percorso per intercettare la domanda di questi mercati. Per cui hanno effettuato una serie di investimenti in attrezzature e servizi che rendono oggi accessibile e fruibile la Riviera dei Cedri: sollevatori per la salita/discesa dal treno per i passeggeri a mobilità ridotta; navette con sollevatore per i collegamenti; sedie job nelle spiagge attrezzate degli alberghi; spazi comuni accessibili; camere accessibili; cucine; parcheggi per disabili nei pressi dell’ingresso; mappe tattili presso i beni culturali; (torri, castelli, ecc.); attività sportive per tutti.

Inoltre, gli albergatori della Riviera dei Cedri aderenti a ECOtur, tra cui molti di Federalberghi, si sono proposti sul mercato per rispondere alla domanda di turismo e di attività ricreative senza barriere, garantendo ai potenziali ospiti la massima trasparenza e verificabilità delle informazioni fornite. Le strutture alberghiere non si sono solo impegnate a fornire spazi architettonicamente accessibili, ma servizi capaci di rispondere in modo efficace e professionale alle esigenze, agli interessi e alle aspettative di tutti i turisti.

Nel 2016 infine è anche partita l’iniziativa “Welcome to Riviera dei Cedri”, un’attività di co-marketing con Trenitalia che ha consentito il rimborso del viaggio in treno per chi ha scelto di andare in vacanza in Calabria nella Riviera dei Cedri. Grazie all’iniziativa i clienti di Trenitalia che hanno utilizzato il treno per andare in vacanza nell’area della Riviera dei Cedri, soggiornando negli hotel convenzionati, hanno ricevuto direttamente dall’albergatore il rimborso del viaggio. Un’iniziativa interamente finanziata dagli operatori turistici che hanno inserito la Calabria e la Riviera dei Cedri tra le mete proposte da Trenitalia ai suoi passeggeri.

 

fonte originale: Portale Regione Calabria