Scalea è una cittadina costiera dalla caratteristica struttura a scalinate e si trova a soli 25 metri sul livello del mare.

Chi va da Nord verso Sud non può non resatre per un attimo senza fiato quando, subito dopo San Nicola Arcella, si apre un panorama da ammirare nella sua bellezza. Qualcuno l’ha definita la Rimini del Sud, per la sua estensione, per le molteplici attività estive che si praticano. Scalea è il fulcro del turismo dell’Alto Tirreno.

Posta in panoramica posizione “a gradinata”, domina ka visuale tra la collina e la valle del fiume Lao. Dalle spiagge si risale per le vie pittoresche che si inerpicano nell’abitato, dove si respira ancora un po’ di medioevo.

Il segno delle lotte tra Longobardi e Bizantini è forte. Scalea è stato anche luogo di “villeggiatura” dei Romani nel II secolo a.C.  Ci sono numerosi resti di ville costruite nei posti più panoramici. Laos, Lavinium, l’influenza angioina, aragonese, spagnola e francese.

UN territorio ricco di sotria e di cultura che può essere assaporato risalendo le scale fino ai ruderi del castello. A Scalea sono nati ed hanno soggiornato grandi nomi della filosofia , della letteratura, delle scienze. Gregorio Camporese è uno dei personaggi di spicco, al quale è stata intitolata la piazza principale, oggi zona pedonale. In pieno centro storico svetta il campanile del Chiesa di Santa Maria d’Episcopio, CHiesa di sopra della Madona del Carmine, Patrona della città.